Log in

FESTIVAL RESISTENTE 24 e 25 aprile

24 aprile 2012 ore 19.30 I COLORI DEL PARTIGIANO

Ballata per coro, musici e attori

Questa sera, per inaugurare la prima del FESTIVAL RESISTENTE, torna ospite Mons Giovannni Barbareschi, cappellano partigiano delle Fiamme Verdi e assieme a lui avremo anche il piacere e l'onore di conoscere Costanza Arbeia, staffetta partigiana combattente della provincia di Novara che ha operato in Val Sesia.
PROMOZIONE FESTIVAL RESISTENTE / RE LEAR
Chi parteciperà ad una delle giornate del FESTIVAL RESISTENTE e terrà il biglietto, potrà vedere lo spettacolo RE LEAR al prezzo di 10€ (anzichè 25,50€) in qualsiasi giorno di replica (dal 3 maggio al 3 giugno).
Info e prenotazioni: 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 02.36503740

Drammaturgia e regia Silvano Piccardi

con Adele Pellegatta, Silvano Piccardi
Il coro Suoni e l’ANPI Coro antifascista
I musici la Moresca antica

Drammaturgia e regia Silvano Piccardi
Musiche originali Umberto Mosca
Regia delle luci Stefano Chiovini

Il rosso delle bandiere partigiane... Il rosa delle donne che combatterono a fianco degli uomini… Il nero della pelle di Giorgio Marincola e di Italo Caracul “il tripolino”, partigiani africani che combatterono e morirono per la libertà del paese che oggi nega l’esistenza a chi porta lo stesso colore di pelle... Il tricolore, riscattato dal nero di cui lo avevano imbrattato i fascisti, ad opera di quella Resistenza che ancora ha tanto da dirci…

ore 21.00 IL PIU' BELLO DI TUTTI I FRATELLI

 di Aquilino

piu_bello_tutti_fratelli 

Regia Maria Eugenia D’Aquino

Con Romina Gambaro, Rita Mattachini, Andrea Fabiano

Musiche di Andrea Fabiano - Luci di Maurizio Labella
Costumi di Alice Bonanno
Scene e grafica di Alessandra Bisio, Efrem Demarchi, Massimo Salsa
Con il patrocinio dell’ Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea – Piero Fornara

Compagnia L’Altra Eva

Una sposa alla vigilia delle nozze, i ricordi, le emozioni, i dubbi. La storia di Gina, della sua mamma e del suo fratello più bello. Due attrici e un musicattore danno vita a uno dei testi più intensi di Aquilino, che qui racconta la vita di sua madre, l’infanzia contadina nel Veneto fascista, l’avventura in Libia, l’emigrazione in Lombardia, l’assassinio del fratello partigiano, Aquilino Bresolin, colpito a morte, a diciotto anni, da un commando fascista,a  Rescaldina il 14 dicembre 1944. Una storia narrata e cantata, che appassiona, commuove e fa sorridere, dietro la quale echeggia la Storia, quella che qualcuno può ancora raccontare di avere vissuto e che ha ancora molto da raccontare a tutti noi.

I° Premio – Culture Resistenti 2011

 

25 aprile 2012 ore 19.30 LE ROTAIE DELLA MEMORIA – Vita di Albino Calletti

lerotaie

testo di Giulia Viana con la collaborazione di Giacomo Ferraù

con  Giulia Viana
regia Giacomo Ferraù
luci Giuliano Almerighi

Compagnia Eco di Fondo

Albino Calletti, nome di battaglia “Capitan Bruno”, racconta della sua giovinezza, della sua crescita e della sua maturità: il gruppo giovanile socialista di Castelletto sopra Ticino, il carcere, prima il San Vittore di Milano poi al Regina Coeli, poi al Forte Urbano di Castelfranco Emilia, la guerra in Russia, le montagne dei partigiani per tornare disperatamente e finalmente a casa. “Capitava spesso che i ragazzi non avessero alcuna preparazione politica, erano antifascisti d’istinto, ma volevo convincerli che questo non bastava. I ragazzi dovevano essere informati. Allora mi dedicavo a diffondere la conoscenza della vera natura antifascista, per dare più forza agli ideali di democrazia (...).”

Spettacolo vincitore del Premio ANPI Cultura 2008 (ANPI OVEST TICINO)

 

ore 21.00 Dalla resistenza alla costituzione - recital 

Di e con Andrea Labanca

Musica e adattamento sonoro Guido Baldoni

Questo recital è un breve percorso musicale e letterario della storia d’Italia, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale alla nascita della Costituzione Italiana nel 1948 attraverso gli ideali della Resistenza, espressi nelle canzoni partigiane. Dai racconti di giovani partigiani (Giorgio Bocca, Beppe Fenoglio), alle lettere dei condannati a morte della Resistenza, dai discorsi di Terracini e  Calamandrei, ai cantautori italiani tra gli anni '60 e '70 (Guccini, De Gregori, De Andrè).

 

 

Info e prenotazioni:

 

Biglietteria PACTA . dei Teatri – Teatro Oscar

Via Lattanzio 58, 20137 Milano

Mail:   Tel. 02.36503740 www.pacta.org

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy