Log in

Un tempo perduto

1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

tempo_perdutoAutore: Alessandro Russo

Presentazione: È un libro di silenzi, di storie di silenzi che sono più eloquenti delle parole, questa raccolta di poesie di Alessandro Russo, intrisa di umori più che proustiani (potrebbe farlo pensare il titolo, Un tempo perduto), soprattutto pascoliani.

Un mondo che «ritorna come un fuoco mai spento», attraverso parole che «di un fanciullo / ne hanno fatto un uomo»: si può volere di più da una poesia se non che sappia dire quello che vuole dire, ossia la fedeltà a un nodo essenziale, al cuore del proprio essere adulti in presenza delle figure fondanti del proprio sistema morale? (Vincenzo Guarracino)

 

La poetica di Russo, affondata nella terra e nutrita di Pavese (PIERANGELA ROSSI)

Recensione - su quotidiano Avvenire 23/03/2014

Nella personale recherche di Alessandro Russo, la poetica si coagula intorno al tema della terra, della civiltà contadina perduta e struggente come un amore, delle figure, antenati, di riferimento, con echi pascoliani. Racconta il poeta che il nonno stava seduto in silenzio accanto al camino e lo osservava: «Ed io amavo quel silenzio perché credevo che il nonno mi stesse insegnando ad ascoltare». Leggeva all’ombra di un olivo, guardava le colline soleggiate, udiva le voci dei contadini da una fattoria all’altra. Se pioveva, il tavolo di lettura finiva sotto la finestra, e il giovane Alessandro, il fanciullino Alessandro, «respirava forte l’odore della terra, quel sentore che sprigiona alla fine, come se si aprisse per offrirmi la sua parte migliore.» E così, «Era allora che nascevano queste poesie. L’ho capito solo invecchiando». Con un fiducioso e candido esergo, («Solo la poesia può salvare l’uomo»: Ungaretti), Russo si colloca nella scia proustiana del rammemorare «il tempo perduto», della nostalgia, sentimento universale. Il libro ha la prefazione di Vincenzo Guarracino: «Si può volere di più da una poesia se non che sappia dire quello che vuole dire, ossia la fedeltà a un nodo essenziale, al cuore del proprio essere adulti?». In un «circuito perenne di morte e rinascita»; in un «sistema armonico»; queste poesie, dice Guarracino, sono illuminazioni, idilli «in versi netti e rigorosi, racchiusi nel respiro breve di un’immagine, di un pensiero». «C’è una casa e c’è una terra/ che mi hanno fatto l’uomo che sono»; annota Russo. Se un uomo coltiva il campo, il bambino non sa che è lavoro ma lo guarda «come un uomo diverso/ che sapesse cosa fosse il riposo». La poetica è presto detta, nel procedere delle illuminazioni, a volte chiare, a volte indistinte: «...mi consuma quell’attimo / prima della parola»: spera che in chi legge possa «restare qualcosa, anche un gusto agrodolce»: E poi che possa «farsi delle domande.// Fermarsi a riflettere un attimo// E capire che non sempre si è detto tutto». Su questo non detto, su questi silenzi, si costruisce la poetica di Russo. Nella postfazione l’editore Giuliano Ladolfi nota che la terra è ritratta spesso con metafore corporali, e che il modello è il Pavese di Lavorare stanca, con «la percezione heideggeriana dell’"essere" e dell’"esserci"», in una constatazione del limite umano che invoca l’Assoluto. Alessandro Russo ha 37 anni, è comasco e – dice – ancora non ha imparato il mestiere di vivere.

Tutti i libri

Anche l'amore qualche volta sbaglia stradaNon ti scordar di meTu di che coppia sei?Renzo Piano: G124 Diario dalle periferie/1 Giambellino Milano 2015Fiori di plasticaStazione d’arrivoCome cambia lo sguardoTrentenniIntervista a Eugenio Sbardella, autore di Sans Blague, in lizza per il Premio Strega 2015L'ESTATE VECCHIA#BCM16 - Alda Merini: il calore dell’animaAl confine con il buio. Soldato MillenovecentoventiL'idillio tra l'uomo e l'ombraL'amore è un uccello ribelleEleinda - Una leggenda dal futuroCol senno di poi#BCM16: Un paese da ri-scoprireIL PAESE SOPRA LE NUVOLENon chiedermi di stare senza vedertiMare mossoI semi dell'odioCosa Vuole EvaIl Silenzio dei morti viventiLa calunniaUn libro, un pensiero che resta nel tempo. Piccoli silenzi desiderabiliLa pianta di pomodoroPresentazione romanzo Nel nome di MarcoIL PENSIERO DELL'ARTE. Diario di un Argonauta alla ricerca dell'ArteSans BlagueIncontro con i clienti di MaxiZoo a tema libro Il VarcolacMILANO MERAVIGLIOSAAnamourLa panchina di OsakaE adesso statemi a sentireInterpretazioni Letterarie - 15 aprile 2012Il manuale pratico del benessereIn Sicilia, un'estatePresentazione di Fatality showIl Pesce SubaereoSkan-zo-na-ta La canzone umoristica e satirica italiana da Petrolini a CaparezzaPerchèLa Danza CosmicaJESSTamara Rampanti - Per una vita da escort...Urla ancestraliL'ultimo SciacalloMara Terzi – Quando i sogni dell'anima si sono fatti DanzaAthos Enrile: “Le ali della musica”AmenPresentazione del romanzo: La voce del silenzioElvira la modella di ModiglianiLitio:pensieri disciolti nell'acidoPresentazione libro 'All'inizio era il profumo' di ALDO NOVEDon Riccardo Nassi e il caso OrlandiCome l'acqua che scava la rocciaIndaci e MarzapaneMEMORIA: un cassetto di ricordi sempre piu’ difficile da aprirePresentazione del libro Il mondo di sotto#BCM16: Viaggio nel Liberty milaneseMarco e TeclaMARE TI AMODue inchieste del Commissario FrizzeraNon ti voglio vicinoMAI DIRE MAIERMANNO ACCARDI PRESENTA IL SUO LIBRO - MILANO MERAVIGLIOSAManuale di sopravvivenza del giovane atleta e dei suoi genitoriLa casa TurcheseItalia loves Sicurezza 2015Presentazione del libro Il libro Qualche lontano amoreBarboniIl naufragoLa Pietra dei Sogni Voci di AnimeOltre i limiti, Rosanna GalottaMeravigli edizioni a Bookcity Milano 2014 – Biblioteca Niguarda
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy