Autore: Massimo Polimeni

Presentazione: Enrico, manager di successo, dalla metropoli milanese torna in Sicilia, nel suo paesino sulla costa ionica. Non è un viaggio come gli altri: sa che questa volta incontrerà il cambiamento, già avvertito nei suoi pensieri e atteggiamenti. L’apparente crisi con Laura, sua moglie, nasconde il desiderio di ritrovarsi tra i profumi e i volti abbandonati anni prima per cercare l’affermazione professionale nella città dove l’azienda macina e fagocita impegno, lavoro e, anche,  personalità  e spazi di vita che dovrebbero rimanerne fuori. La necessità di capire porta Enrico ad apprezzare le parole del vecchio professore di filosofia del liceo, capace incredibilmente di comprendere lo smarrimento dell’ex allievo. Immergersi nei profumi, nei sapori, nella dimensione del tempo e nella percezione delle cose che nel suo paese sembrano rimasti uguali a decenni prima, conferma in  Enrico  la scelta di riconsiderare i parametri con cui aveva realizzato scelte di vita che ora sente distanti e da cui avverte la necessità di allontanarsi, anche solo momentaneamente. Ma non potrà vivere serenamente e con calma questa fase della sua esistenza. La Sicilia, capace di accogliere con calore i figli che tornano, è terra in cui la quotidianità deve fare i conti con i retaggi del passato ora divenuti moderni business del malaffare. Enrico e il professore, tra sogni e nostalgie  che magicamente si materializzano nella bellezza dell’isola, affrontano la durezza della mafia con i suoi nuovi traffici, arrivando a un tragico epilogo.